La grandezza e la forma della vasca

Uno dei più grossi sbagli, commesso soprattutto dai principianti, è quello di voler cominciare con una piccola vasca per “acquisire esperienza”. Niente di più errato: un acquario di una certa grandezza si cura molto più facilmente di uno piccolo e si hanno molto meno noie con l’equilibrio chimico-fisico dell’acqua, a tutto vantaggio di pesci e piante… e nostro! Per questo motivo è opportuno scegliere per un acquario d’acqua dolce una vasca di almeno 40 litri, mentre per un acquario marino si dovrebbe optare per una di almeno 100 litri. Naturalmente anche acquari più piccoli, soprattutto se sono già completamente attrezzati da parte di un competente produttore, possono funzionare perfettamente, anche se si avranno più facilmente delle noie quando non si rispettano rigorosamente certe regole di alimentazione e di scelta dei pesci.

Qualcuno chiederà se l’acquario deve essere per forza rettangolare. Non si può rispondere né con un sì, né con un no. Ma l’esperienza ha insegnato che la vasca ideale per il principiante e per l’uso normale dovrebbe essere un parallelepipedo; tutte le altre forme comportano difficoltà di carattere tecnico e di ordine… finanziario. Oggi conviene optare possibilmente per un acquario di produzione industriale perché la vasca su misura, di qualsiasi forma essa sia, è sempre più costosa.

Esistono alcune regole, dettate dall’esperienza, per quanto riguarda le proporzioni tra i singoli lati e l’altezza della vasca.

In basso:
schema di tre tipi di acquari.
1 - le proporzioni “ideali” per l’acquario;
2 - una vasca per pesci “alti”;
3 - una vasca per l’accrescimento degli avannotti.

acquario la grandezza della vasca

torna su: Indice- L'ACQUARIO Un angolo di natura viva a casa vostra

prodac logo official sponsor 2
Prodac International S.r.l.
Via Padre Nicolini, 22
35013 Cittadella (PD) ITALY

Phone +39 0495971677

Fax +39 0495971113

www.prodac.it

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.