Newsletter di Acquariofilia Italia

RAP RARE PIANTE ACQUATICHE, intervista a Massimo Iannella di RareAquaticPlants.com



Il dott. Tommaso Aricò di AcquariofiliaItalia.it in occasione dell'evento di AcquaBeach 2011 svoltosi a Cesena nei mesi scorsi, ha effettuato un'importante intervista a Massimo Iannella, Agrotecnico e responsabile del portale Rare Aquatic Plants, ponendo numerose domande per un settore fondamentale dell'Acquariofilia e in particolare per ciò che riguarda le Piante Acquatiche, e il modo di riprodurre specie molto rare.
 
kokedama

Kokedama

1 - Domanda

AcquariofiliaItalia.it
Parlando di Piante Acquatiche, oggi in acquariologia che importanza viene data alle piante dall'acquariofilo sotto l'aspetto ornamentale o per far vivere meglio i pesci?

Risposta:
ciao Tommaso,
secondo me il pubblico degli appassionati oggi si è sensibilizzato molto sull'importanza delle piante in acquario quando si allevano pesci o invertebrati, infatti in molti allestimenti si nota un orientamento ed uso dei materiali dedicati maggiormente alla coltivazione di specie vegetali per garantire la stabilità di un "ambiente" adatto alla vita di pesci o altri animali. Noto però che molti ancora non comprendono che l'inserimento di pesci deve essere effettuato solo quando la vasca ha superato le prime fasi di avvio e mostra una stabilità attraverso una buona crescita e salute delle piante: per questo a volte occorrono anche diversi mesi. Sicuramente la parte estetica legata al layout delle piante prevale su quella "funzionale" ma è necessario far comprendere ancora meglio che una filtrazione biologica  è garantita anche da una massa "verde" proporzionata all'acquario  e da un fondo organico senza necessariamente avere un filtro dedicato per tale scopo. Questo l'ho dimostrato su molti miei articoli e la maggior parte degli acquari che conduco non hanno filtraggio biologico ma bensì solo pompe di movimento.
ADA-new-Amazonia-Cape-Stone-rareaquaticplants
Acquario ADA New Amazonia Cape Stone RareAquaticPlants
2 - Domanda
AcquariofiliaItalia.it
Gentile Agrotecnico Massimo Iannella, AcquariofiliaItalia.it è venuta a conoscenza della sua grande passione per le piante attraverso il suo sito internet http://www.rareaquaticplants.com  le chiediamo come è nato il suo amore per esse e soprattutto cosa significa il nome in inglese che lei ha dato al suo Progetto Rare Aquatic Plants?

Risposta:
La mia educazione culturale nasce dalla natura per molti aspetti legati sia dall'ambiente in cui vivo e sia per i miei genitori. Da Agrotecnico e poi Ispettore Regionale di controllo sui processi di coltivazione biologica ho sensibilizzato molto la mia istruzione a questi temi che mi hanno spinto ad una ricerca più approfondita attraverso specializzazioni in tutela ambientale e studio dei parchi limitrofi nelle zona in cui risiedo. Il lavoro nell'ambito dell'agricoltura e nella fattispecie del lavoro in  serra, mi hanno condotto più volte nella mia vita ad impegnarmi in passioni come giardinaggio e Bonsai, in ultimo l'acquariofilia come per gioco. In breve tempo questo hobby ha letteralmente occupato tutto il posto degli altri sino a farmi comprendere che, sia a livello nazionale che internazionale, mancavano informazioni ed esperienze sulle specie vegetali acquatiche rare e di difficile coltivazione. Notando  che io stesso ero stufo delle stesse piante, e che molti appassionati avevano le mie identiche esigenze, allora ho pensato di provare la coltivazione di molte specie totalmente sconosciute al mondo ottenendo un discreto risultato e riscontro dagli amici sia in Italia che in Europa. Subito dopo è nato il progetto RareAquaticPlants per mia unica volontà e che con grandissima fatica ho portato a quello che è oggi grazie anche al contributo di alcuni collaboratori. Per avere un idea del lavoro  svolto basti pensare che dopo l'introduzione di molte mie specie alcune aziende leader hanno intrapreso nuove linee produttive dedicate e che specie come ad esempio Eriocaulon sp. 'Goias', oggi presenti nelle vasche di molti appassionati Europei ed Italiani, provengono tutte dalle mie prime madri coltivate anni fà e riprodotte in cattività per la prima volta ufficialmente.
Ultimamente nasce anche IRAP (Italian Rare Aquatic Plants) per volontà mia e di alcuni collaboratori di RAP, in particolare Roberto Pellegrini: un progetto importantissimo che stiamo portando avanti per conservare alcune specie vegetali acquatiche autoctone estinte nei biotopi di origine. Cerchiamo di mantenerle in vita nelle nostre vasche e tutti i possessori a cui diamo gli esemplari sono inseriti in un apposito registro di possesso.
 
Eriocaulon-sp-goias, nella foto Massimo Iannella di RareAquaticPlants.com
Eriocaulon- sp. goias, nella foto Massimo Iannella di RareAquaticPlants.com
Hydrocotyle-leucocephala, nella foto Massimo Iannella di RareAquaticPlants.com
Hydrocotyle leucocephala, nella foto Massimo Iannella di RareAquaticPlants.com
3 - Domanda
AcquariofiliaItalia.it
Le piante in acquario sono sempre state il tallone di achille per ogni appassionato di acquariofilia, perchè se non curi le piante rischi di compromettere l'equilibrio chimimo dell'acquario, quindi cosa consiglia ai nostri utenti di Acquariofiliaitalia.it di acquistare per un acquario d'acqua dolce di medie dimensioni alla portata di tutti, con pesci comuni?

Risposta:
Consiglio vivamente di pensare prima "all'ambiente" e poi ai pesci, come quando arrediamo una casa per vivere meglio ponendo tutti gli accessori in modo da avere un elevato comfort. È essenziale capire che l'acquario è un ambiente vivo interessato da notevoli oscillazioni per via di un "tampone" che invece in natura esiste sia per le dimensioni dei luoghi che per le masse d'acqua presenti nei biotopi interessati. L'obiettivo in primis è quello di avere una vasca stabile con piante sane che mostrano buona crescita senza presenza algale; ottenuto questo allora si può pensare all'introduzione parsimoniosa di pesci in relazione alla massa vegetale ed al litraggio. È sempre meglio coltivare piante più semplici per avere un acquario gestibile e funzionale che invece specie troppo difficili che rallentano il conseguimento degli obiettivi indicati sopra. Tutto dipende soprattutto dall'esperienza del coltivatore ma soprattutto dall'umiltà dello stesso nell'ammettere i propri limiti.
 
kokedama-high-tech-machu-picchu
Kokedama high tech machu picchu
 
4 - Domanda
AcquariofiliaItalia.it
In base alla sua esperienza acquisita in tutti questi anni per la selezione di importanti ceppi di piante, ci può spiegare perchè coltivare una piante per acquario rispetto ad un'altra? E quanto tempo occorre per effettuare una selezione perfetta?

Risposta:
Spesso è solo la morfologia di una determinata specie a spingere il coltivatore a provare nel mantenerla in acquario e tentarne la riproduzione, è un impegno alquanto difficile che prevede notevoli capacità e conoscenze di agronomia, biologia, botanica, chimica e fisiologia vegetale. Per fare un esempio, i primi Eriocualon spp. che ho diffuso, sono riuscito ad ottenerli dopo circa 2 anni di prove e fallimenti derivati anche da un lento e difficoltoso adattamento delle specie in acquario. Oggi aziende importanti come Tropica Aquarium Plants stanno tentando la riproduzione su larga scala di alcune delle mie piante anche attraverso le indicazioni che ho fornito ai laboratori meristematici. Ciò per avere maggiore fruizione, salvaguardia dei biotopi e disponibilità per tutti gli appassionati senza intraprendere azioni di sciacallaggio in natura. Ad un appassionato normale è difficile far comprendere quanto sia impegnativo per un'azienda il percorso di una "pianta acquatica" visibile nei negozi in stabulari per la vendita; spesso l'imput viene proprio da appassionati come me che attraverso articoli e descrizioni nei forum convincono le aziende a produrle. Il processo produttivo poi comporta tutta una serie di valutazioni da parte dei tecnici addetti che spesso si rivolgono agli appassionati, come nel mio caso, per avere maggiori informazioni ed indicazioni per la stesura di un progetto.
 
kokedama-specie-hemianthus-callitricoides
kokedama: specie Hemianthus callitricoides

5
- Domanda
AcquariofiliaItalia.it
Abbiamo letto sul suo sito Rareaquaticplants.com che lei parla spesso di kokedama ci può spiegare di cosa si tratta esattamente?

Risposta:
I Kokedama sono una novità a livello mondiale introdotti col nome di wabi-kusa da Mr. Takashi Amano. Questo prodotto garantisce un risultato ottimale e facilità di inserimento in acquario senza l'ausilio di pinzette o altro in quanto le piante acquatiche sono coltivate su un substrato organico che deve essere inserito direttamente in vasca senza osservare sfaldatura o perdita di consistenza. In pratica il "disco di terra" si introduce nel substrato e le piante perfettamente radicate in esso, prive di qualsiasi tipo di stress come potatura e piantumazione, si sviluppano incredibilmente con notevole velocità espandendosi in un modo mai visto prima. A parer mio oggi rappresenta il miglior sistema per ottenere un acquario con garanzia di successo con la versatilità di utilizzare Kokedama anche per composizioni da esterno e per terrari.

È importante dire che RAP
, nella mia persona, oggi in occidente ha pubblicato per la prima volta un progetto sviluppato autonomamente per la costituzione dei Kokedama formulando una miscela di materiali in modo da ottenere un substrato che mantiene la coesione anche quando immerso in acqua. Tutte le informazioni dedicate a questo prodotto sono visionabili nel mio sito accedendo da RareAquaticPlants.

Elos-iannella-massimo_Strada-per-laforesta
Acquario Elos: di Iannella Massimo - Strada per la foresta
6- Domanda
AcquariofiliaItalia.it
Infine vorremmo ringraziarla per averci dedicato del suo tempo prezioso per questa intervista per AcquariofiliaItalia.it, e vorremmo chiederle, cosa ne pensa oggi delle Aziende presenti in Italia e all'Estero, e come si rapportano nel mondo dell'acquariologia? e quale sarà la piante da inserire nell'acquario del futuro?

Tommaso, grazie a te per l'opportunità offerta e l'interesse verso RAP.
Delle aziende penso che in Italia ne abbiamo una leader che sta diffondendo i suoi prodotti anche all'estero, parliamo di Anubias che il Sig. Castaldini stà espandendo sempre più grazie ai consensi ottenuti per il suo eccellente operato. In Europa ne conosco diverse ma la più importante senza dubbio rimane Tropica Aquarium Plants a cui sono legato per stima e collaborazione. Per quanto riguarda il rapporto che hanno con gli appassionati, a mio parere, dovrebbe consolidarsi e svilupparsi maggiormente per ascoltarne le indicazioni ed i suggerimenti. Fortunatamente vedo che adesso cercano di tenere in considerazione le voci più rappresentative ed io personalmente da Tropica sono stato inserito nel network dei coltivatori/specialisti, come C. Kasselmann, Oliver Knott, etc., a cui fare riferimento per determinate specie acquatiche vegetali di nuova introduzione.
 

Video realizzato da AcquariofiliaItalia.it a Cesena in occasione dell'AcquaBeach 2011
RareAquaticPlants.com by Massimo Iannella
Per maggiori approfondimenti sulle Rare Piante Acquatiche, visita il sitio web e forum
www.RareAquaticPlants.com

AcquariofiliaItalia.it
  Questa intervista compresa tutte le foto e i video presenti sono copyright
Massimo Iannella Tutti i diritti riservati sulle foto e sui testi - ogni violazione sara' perseguita in sede civile e penale

English version
RARE AQUATIC PLANTS Special, Interview with Massimo of Iannella RareAquaticPlants.com


The dr. Thomas Aricò AcquariofiliaItalia.it at the event in 2011 held in Cesena AcquaBeach in recent months, has made an important interview with Massimo Iannella, and responsible Agrotecnica portal Rare Aquatic Plants, asking many questions for a key area of ​​aquarium and in particular as regards the Aquatic Plants, and how to reproduce very rare species.

Kokedama

1 - Application
AcquariofiliaItalia.it
Speaking of Aquatic Plants, aquarium today that importance is given to the plants by the aquarist in the appearance or ornamental fish to live better?

Answer:
Hello Thomas,
I think the public is now aware of the fans about the importance of plants in the aquarium when you breed fish or invertebrates, in fact in many productions there is a guideline and use of materials more dedicated to the cultivation of plant species to ensure the stability of a "environment" right to life of fish or other animals. Known, however, that many still do not understand that the inclusion of fish should only be used when the tank has passed the first start-up and shows a good stability through growth and plant health: why sometimes it takes several months. Definitely linked to the aesthetic layout of the plant prevails over the "functional" but it is necessary to understand even better than a biological filtration is also guaranteed by a mass "green" proportionate to the aquarium and a fund workforce without necessarily having a dedicated filter for this purpose. This I have demonstrated on many of my articles and most of the aquariums I lead but do not have biological filtration but only pumps.
ADA-new-Amazonia-Cape-Stone-rareaquaticplants
New Aquarium ADA Amazonia Cape Stone RareAquaticPlants
2 - Application
AcquariofiliaItalia.it
Dear Massimo Agrotecnica Iannella, AcquariofiliaItalia.it became aware of his passion for plants through its website http://www.rareaquaticplants.com we ask how did his love for them and most importantly, what does the name English which she gave to her Project Rare Aquatic Plants?

Answer:
My cultural education is born by nature for many aspects of the environment in which both alive and both my parents. From Agrotecnica Regional Inspector and then control the processes of organic farming I have my education very sensitized to these issues that led me to a deeper search through specializations in environmental protection and study of neighborhood parks in the area where I live. The work in agriculture and in the case of work in the greenhouse, I have conducted many times in my life to engage in passions such as gardening and Bonsai, ultimately the aquarium as a joke. Soon this hobby has literally taken the place of all others up to make me understand that, both nationally and internationally, lack of information and experience on rare aquatic plant species and difficult cultivation. Noticing that I was tired of the same plants, and that many fans had my same needs, so I decided to try the cultivation of many species wholly unknown to the world getting a fair result and feedback from friends both in Italy and Europe. Soon after the project was born RareAquaticPlants for my will and that only with great difficulty that I brought to what is today thanks to the contribution of several collaborators. To get an idea of ​​the work done enough to think that after the introduction of many of my species number of leading companies have embarked on a new production lines and that species such as Eriocaulon sp. 'Goias', now found in the tanks of many European and Italian lovers, all come from my mothers first cultivated years ago and reproduced in captivity for the first time officially.
Lately also born IRAP (Italian Rare Aquatic Plants) to my will and some employees of RAP, especially Roberto Pellegrini, a project we are carrying out very important to preserve native aquatic plant species extinct in habitats of origin. We try to keep them alive in our tanks and all holders to which we give specimens are placed in a special register of ownership.
 
Eriocaulon-sp-Goias, in the photo of Max Iannella RareAquaticPlants.com
-Eriocaulon sp. Goias, in the photo of Max Iannella RareAquaticPlants.com
Hydrocotyle leucocephala-in photos of Massimo Iannella RareAquaticPlants.com
Hydrocotyle leucocephala, the picture of Max Iannella RareAquaticPlants.com
3 - Application
AcquariofiliaItalia.it
The plants in the aquarium have always been the Achilles heel for any aquarium enthusiast, if you do not care because the plants could jeopardize the balance chimimo aquarium, so do you recommend our users to Acquariofiliaitalia.it to buy a aquarium 'medium-sized fresh water for everyone, with the common fishes?

Answer:
I highly recommend thinking first "environment" and then the fish, as when we furnish a house to live better by putting all the accessories in order to have a high comfort. It is essential to understand that the aquarium is a living environment affected by large fluctuations due to a "buffer" that exists in nature but is the size of the places that the water masses present in the biotopes concerned. The first and foremost goal is to have a bath with a stable healthy plants that show good growth without the presence of algae, achieved this then you can think of sparing the introduction of fish in relation to plant mass and the litraggio. It is always better to grow plants for an aquarium easier manageable and functional species rather difficult too slow to achieve the above objectives. Everything depends mainly on the experience of the farmer but also the same humility in admitting his own limitations.
 
kokedama-high-tech-Machu Picchu-
Kokedama Machu Picchu high-tech
 
4 - Question
AcquariofiliaItalia.it
Based on its experience gained in all these years for the selection of important strains of plants, can you explain why cultivating plants for aquariums over another? And how long does it take to make a perfect selection?

Answer:
Often it is only the morphology of a given species to try to push the farmer in the aquarium and keep it in trying to play it, is a rather difficult undertaking that requires considerable skill and knowledge of agronomy, biology, botany, chemistry and plant physiology. For example, the first Eriocualon spp. I released, I managed to get it after 2 years of trials and failures also derived from a slow and difficult adaptation of species in the aquarium. Today Tropica Aquarium Plants important as companies are trying to play on a large scale of some of my plants through the information I have provided workshops meristematic. This is to have more enjoyment, preservation and availability of habitats for all fans of profiteering without taking action in nature. For a passionate normal is difficult to understand how difficult the path for a company of a "water plant" visible in stores in enclosures for sale, often the input is just from fans like me that through articles and forums convincing descriptions companies to produce them. The production process also involves a series of evaluations by engineers who often turn to the fans, as in my case, for more information and directions for the preparation of a project.
 
kokedama specie-Hemianthus callitricoides
kokedama: species Hemianthus callitricoides

5 - Application
AcquariofiliaItalia.it
We read on her website that she often speaks of Rareaquaticplants.com kokedama can you explain what exactly is it?

Answer:
The Kokedama are a world first introduced with the name of wabi-kusa by Mr. Takashi Amano. This product gives the best results and ease of insertion in an aquarium without the use of tweezers or other aquatic plants as are grown on an organic substrate to be inserted directly in the tank without following cleavage or loss of consistency. In practice, the "hard ground" is introduced into the substrate and the plants rooted in it perfectly, without any kind of stress, such as pruning and planting, grow incredibly expanding with remarkable speed in a way never seen before. In my opinion today is the best way to get an aquarium with a guarantee of success with the versatility to use Kokedama compositions for outdoor and terrariums.

It is important to note that RAP, in my person, in the West today published the first independently developed a project for the establishment of Kokedama formulating a mixture of materials in order to obtain a substrate which maintains the cohesion even when immersed in water. All information dedicated to this product can be viewed by going to my site from RareAquaticPlants.

Elos-Iannella-massimo_Strada-for-Laforest
Elos Aquarium: Maximum of Iannella - Road to the forest

6 - Application
AcquariofiliaItalia.it
Finally we would like to thank you for taking his valuable time for this interview AcquariofiliaItalia.it, and we would ask, what do you think now of the companies present in Italy and abroad, and how they relate in the world aquariology? and what will be put in the aquarium plants of the future?

Thomas, thank you for the opportunity and interest in RAP.
Of the companies I think in Italy we have a leader who is spreading its products abroad, we speak of a. that Mr. Castaldini is expanding more and more thanks to the consensus obtained for his excellent work. I know several in Europe but the most important Tropica Aquarium Plants is no doubt that I am bound to respect and collaboration. With regard to the relationship they have with the fans, in my opinion, should listen more to consolidate and develop the information and suggestions. Fortunately I see that now try to take into account the most representative voices, and I personally have been included in the Tropica network of growers / specialists, such as C. Kasselman, Oliver Knott, etc.., Which refer to certain aquatic species newly introduced plants.
 

Video by Cesena AcquariofiliaItalia.it at dell'AcquaBeach 2011
RareAquaticPlants.com by Massimo Iannella
For further information on Rare Aquatic Plants, visit sitio web forum
www.RareAquaticPlants.com

This interview AcquariofiliaItalia.it including all pictures and videos are copyright
Maximum Iannella All rights reserved on pictures and texts - any breach will be 'pursued in civil and criminal

  • Assistenza biologo
  • Speciale Pesci
  • P.I. 02567230426
  • Privacy Policy
  • Iscriviti newsletter

Il Portale dei Pesci d'Acquario dolce e marino. Brands Aziende Pet con mangimi ed accessori acquari. Franchising negozi acquariofilia allestimento e arredamento in tutta Italia. Siti web Shopping on-line. Partenership Vendita acquari su misura. News articoli per Animali domestici, Pesci, Cani e Gatti. Acquario mania, Aquarium line tank.

iubenda
Nuova pagina 1