Articoli di acquariofilia

Il Mio Acquario n. 142 - Luglio 2010

Il Mio Acquario n.142 - Luglio 2010

Il Mio Acquario n. 142 - Luglio 2010
 
Uscita: 22 Giugno 2010
Reperibilità:
nelle edicole, nei negozi di acquari convenzionati, in abbonamento.
Costo di Copertina: 5 €
Editore:
Sered S.r.l. - Via L. Mugnone, 30 - 00124 Roma

 
Contenuto degli articoli

Le koi: domande e risposte sulle regine dello stagno in giardino

Le carpe koi sono “oggetto di culto” da parte di stuoli di appassionati collezionisti, non solo asiatici ma anche europei e americani. L’allevamento a scopo ornamentale delle carpe “colorate” è stato a lungo monopolio del Giappone, oggi però questi magnifici pesci sono allevati ovunque nel mondo, con una ricca e qualificata produzione italiana

Giovani e belle: le damigelle dei Caraibi

Alla grande famiglia tropicale dei Pomacentridi appartengono circa 320 specie, la gran parte delle quali diffuse nell’immensa regione indo-pacifica. Una sola – la castagnola, Chromis chromis – è presente nei nostri mari. Le specie dei Carabi e delle coste atlantiche centro-sudamericane avrebbero poco da invidiare, per bellezza e facilità di allevamento, alle ben più popolari cugine indo-pacifiche. Trovarle in commercio, però, è un vero colpo di fortuna

Il marino di casa nostra: arredamento, acqua e i primi ospiti

Dopo la composizione tecnica del primo “med” (vasca e accessori), è ora la volta di quella biologica, a cominciare dall’arredamento – fondo e rocce – che, contrariamente a quello per l’acquario d’acqua dolce (spesso solo apparentemente “naturale”), proviene di regola dagli stessi ambienti dei pesci e degli invertebrati che di lì a poco andremo finalmente ad ospitare nel nostro acquario mediterraneo

Simili ma diverse: Nymphoides, le false ninfee

La similitudine con le ninfee, evocata dal nome di queste piante, è solo apparente, in quanto appartengono ad una famiglia diversa e ben distinta da quella delle popolari “rose d’acqua”. La loro fioritura, pur graziosa e decorativa, non può competere per bellezza e appariscenza con quella delle vere ninfee. In compenso, la taglia relativamente ridotta le rende più adatte alla coltivazione in acquario o in laghetti molto piccoli

Pugili o barbieri? I magnifici gamberetti del genere Stenopus

Tipicamente tropicali (ma una specie vive anche nei nostri mari), nel loro ambiente naturale questi graziosi crostacei vivono generalmente in coppie che stazionano negli anfratti protetti del reef corallino, gestendo vere e proprie “stazioni di pulizia” ad uso dei pesci di passaggio. L’allevamento non presenta problemi, anche se in acquario spesso sembrano “dimenticare” la loro attività di toelettatori, soprattutto se non allevati in coppia

Introduzione al Discus, il Ciclide più desiderato

Il primo discus fu raccolto nel Rio Negro dal naturalista austriaco Johann Natterer circa 170 anni fa. Oggi questo magnifico Ciclide rappresenta un mondo a parte nel pur vasto panorama dei pesci da acquario. Ciò che forse maggiormente stupisce è la rapidità con cui esso si è trasformato da uno dei pesci ornamentali più delicati, esigenti e costosi, a “pesce per tutti” o quasi, sia pure non certo fra i più economici

L’importanza pratica del pH in acqua dolce

Tutti (o quasi) lo misurano ma non sempre ne comprendono appieno l’importanza, soprattutto perché nella maggior parte dei casi non lo si mette in relazione con altri importanti parametri – quali l’ammoniaca e l’anidride carbonica – cui è strettamente legato. Il pH in acqua dolce può variare entro una “forchetta” assai più ampia rispetto all’acqua marina e, dunque, richiede una maggiore conoscenza delle sue potenzialità

Un fascino arcaico: Lepisostei, i “pesci alligatore”

Possiedono formidabili mascelle “da coccodrillo” irte di denti aguzzi, sono tra i più grandi pesci d’acqua dolce e per di più voraci predatori. Difficile, quindi, considerarli apprezzabili pesci da acquario, se non in qualche impianto pubblico difficilmente imitabile da un semplice appassionato. Eppure almeno le specie più “piccole” sono alla portata dei fortunati possessori di maxi-vasche, rivelandosi molto longeve e di non difficile allevamento

Rane toro, “pesi massimi” a confronto

Col nome di “rane toro” si identificano soprattutto due specie di Anuri di grossa taglia, entrambe appartenenti alla famiglia Ranidae ma a due generi diversi: la rana toro americana (Lithobates catesbeianus) e la rana toro africana (Pyxicephalus adspersus). La prima si può allevare in un terracquario temperato, la seconda richiede invece un clima non solo tropicale, ma anche relativamente “secco”

Per conoscerli meglio

Schede sintetiche ma esaurienti dedicate agli Anfibi e ai Rettili, da quelli più comuni e facili da allevare a quelli più insoliti e “difficili”

E inoltre…

La vetrina delle meraviglie
• Callochromis pleurospilus
• Pseudoplatystoma fasciatum
• Hemitaurichthys polylepis
• Lepidozona sp.

Acquariofilia & Dintorni
Le vostre domande, le notizie, le curiosità, i piccoli trucchi del nostro hobby, i libri e i siti, le associazioni e gli eventi: insomma, tutto ciò che... nuota nell'acquario! All’interno, Alessandro Mancini e i suoi collaboratori rispondono alle domande dei lettori sull’hobby dell’acquariofilia e della terrariofilia.

http://www.ilmioacquario.net/

  • Assistenza biologo
  • Speciale Pesci
  • P.I. 02567230426
  • Privacy Policy
  • Iscriviti newsletter

Il Portale dei Pesci d'Acquario dolce e marino. Brands Aziende Pet con mangimi ed accessori acquari. Franchising negozi acquariofilia allestimento e arredamento in tutta Italia. Siti web Shopping on-line. Partenership Vendita acquari su misura. News articoli per Animali domestici, Pesci, Cani e Gatti. Acquario mania, Aquarium line tank.

iubenda
Nuova pagina 1